Reggia Borbonica di Portici ed Herculanense Museum

Reggia Borbonica di Portici ed Herculanense Museum

Via Università
80055 portici, NA
Italia

Descrizione:

La reggia di Portici è una dimora storica fatta costruire dal sovrano Carlo, come palazzo reale per la dinastia dei Borbone di Napoli, prima della costruzione della più imponente reggia di Caserta.
È situata a pochi metri dagli Scavi di Ercolano, nel comune di Portci all'interno di un ampio parco dotato di un giardino all'inglese e di un anfiteatro.
Il sovrano Carlo III di Borbone e la sua consorte Maria Amalia di Sassonia, in visita presso la villa del duca d'Elboeuf, rimasero così favorevolmente impressionati dalla bellezza del luogo, che decisero di farvi costruire, un palazzo che potesse ospitarli come dimora ufficiale.
I lavori iniziarono nel 1738 con un progetto architettonico commissionato ad Antonio Canevari, richiamato in Italia proprio da Carlo di Borbone per dare seguito, assieme ad altri architetti di fama dell'epoca, al suo ambizioso programma di opere pubbliche e di rappresentanza nel Regno di Napoli
Una serie di palazzi e dimore nobiliari preesistenti (ed espropriati) funsero da base architettonica per la realizzazione della reggia; ciò comportò anche una serie di opere di scavo che permisero il ritrovamento di numerose opere d'arte di valore archeologico, tra cui un vero e proprio tempio con 24 colonne di marmo. Tali opere furono temporaneamente sistemate in un museo allestito per l'occasione, il Museo di Portici, annesso alla Accademia Ercolanese, luogo di deposito dei reperti provenienti dagli scavi archeologici di Ercolano.

L' Herculanense Museum fu inaugurato nel 1758 dal Re Carlo di Borbone. I preziosi oggetti riportati alla luce degli scavi di Ercolano e Pompei determinarono la nascita del museo, che si diramava fin nelle stanze della famiglia reale. In pochi anni le raccolte archeologiche si ampliarono: pitture parietali, mosaici, statue in marmo, bronzo e in terracotta,preziosi e monete, vetri, marmi e oggetti della vita quotidiana invasero gli appartamenti reali.

Reggia di Portici - interno
La realizzazione del nuovo palazzo reale, di dimensioni non vastissime, stimolò la costruzione di numerose altre dimore storiche nelle vicinanze (le ville Vesuviane del Miglio d'oro), nate col fine di ospitare la corte reale che non poteva essere ospitata pienamente nella reggia porticese.

Nel 1799, con la rivoluzione francese, la corte reale fuggì a Palermo portando con sé 60 casse piene di numerosi reperti; in occasione della nuova fuga, avvenuta nel 1806, portò via altre 11 casse di antichità. In questi anni Giuseppe Bonaparte ordinò il trasporto delle antichità rimaste a Portici nel Museo di Napoli. Solo nel 1818, in occasione del rientro a Napoli della corte borbonica, le casse conservate a Palermo furono trasferite nel nuovo museo di Napoli. Il Museo di Portici trovò così la sua fine, anche se il trasferimento delle pitture parietali venne concluso solo nel 1827.

Fu Gioacchino Murat ad arredare ex novo la reggia con mobilio francese e con gusto improntato ad un notevole lusso mentre, sotto Ferdinando II di Borbone, la reggia acquistò un collegamento ferrato con Napoli (con la Ferrovia Napoli-Portici) ed ospitò anche il pontefice Pio IX, per divenire progressivamente un sito sempre meno frequentato col passare dei decenni.

Oggi la reggia ospita la sede della Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Napoli "Federico II".